Semplificazioni fiscali, il Consiglio dei ministri approva i decreti legislativi

admin
By admin giugno 20, 2014 10:00

Il Consiglio dei ministri ha approvato i decreti sulle «semplificazioni» tanto care al premier Matteo Renzi e sui primi passi della riforma del catasto.
«Due decreti legislativi di semplificazione fiscale: una grande opera di semplificazione, per uno Stato vicino al cittadino», ha dichiarato il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi nell’annunciare il via libera del Cdm, primo passo per l’introduzione di diverse novità tese a rendere il «fisco amico».
Dal 730 precompilato a partire dal 2015 all’eliminazione dell’obbligo di dichiarazione d’eredità fino a 100 mila euro.
Il dlgs approvato in Cdm «non riguarda solo le dichiarazioni (dei redditi) ma è un provvedimento a tutto tondo. Inizierà anche il percorso di riforma del catasto con la costituzione delle commissioni (censuarie, ndr) che rivedranno il catasto», ha specificato Boschi.
Il testo del decreto entrato in Cdm contiene di 34 articoli organizzati in 6 capi, di cui 5 riguardano semplificazioni per le persone fisiche, per i rimborsi, per le società e per la fiscalità internazionali, e per i coordinamenti normativi. Il sesto riguarda l’eliminazione di adempimenti superflui.

I punti dlgs

NO DICHIARAZIONI DI EREDITÀ FINO A 100 MILA EURO. Nessun obbligo di dichiarazione per l’eredità, se devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto, nel caso in cui l’attivo ereditario abbia un valore non superiore a «euro 100 mila».

DICHAIRAZIONE DEI REDDITI PRECOMPILATA. Arriva dal 2015, in via sperimentale, la dichiarazione dei redditi precompilata sui redditi 2014. È previsto comunque possibile presentare la dichiarazione secondo le vecchie modalità. E dal 2016 la dichiarazione precompilata conterrà anche le spese sanitarie del 2015.
L’Agenzia delle entrate renderà disponibile per via telematica «entro il 15 aprile di ciascun anno» ai titolari di redditi da lavoro dipendente e assimilati la dichiarazione precompilata relativa ai redditi prodotti nell’anno precedente che può essere «accettata o modificata». Resta ferma «la possibilità di presentare la dichiarazione dei redditi autonomamente compilata con le modalità ordinarie».

AGEVOLAZIONI A SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI. Agevolazioni in arrivo per le società tra professionisti. Si prevede che, a fini Irap, tali società siano equiparate alle associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio informa associata di arti e professioni. Tra le novità anche per le spese di vitto e alloggio dei professionisti che «non costituiscono compensi in natura» per il professionista stesso.

RIMBORSO CREDITO IMPOSTA ENTRO DUE MESI. Il rimborso del credito di imposta sarà effettuata entro 2 mesi dalla richiesta del contribuente. Contestualmente saranno erogati gli interessi.

NON PIÙ OBBLIGO DEBITI PA IN DICHIARAZIONE. Salta l’obbligo per le società di indicare nella dichiarazione i debiti della Pubblica amministrazione.

Venerdì, 20 Giugno 2014 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte originale : http://www.lettera43.it/politica/semplificazioni-fiscali-il-consiglio-dei-ministri-approva-i-decreti-legislativi_43675132616.htm

admin
By admin giugno 20, 2014 10:00